Eros in Mythos e Holy Water su Gumroad

Passato un mese dal Cartoomics, è ora di parlare di Gumroad, il mio shop online. Potete raggiungerlo QUI e acquistare ciò che non siete riusciti, per qualsiasi motivo, a comprare in fiera al nostro stand del Collettivo Lamia.

Cosa trovate sullo shop:

  • la versione cartacea (solo 7 rimasti) e digitale in PDF di Holy Water (il porno in chiesa)
  • la versione cartacea (solo 2 rimasti) e digitale in PDF di Eros in Mythos, l’artbook erotico nato con il nostro primo crowdfunding
  • la versione cartacea e digitale in PDF di Abyssum, il nostro artbook sui tritoni
  • la versione in digitale PDF di Adiaphora
  • la versione in digitale PDF di Vae Victis
  • la versione digitale EPUB, MOBI e PDF dei miei romanzi Vae Victis e Assedio

 

Dentro ogni prodotto trovate la descrizione di ciò che vi serve sapere.

Annunci

Holy Water – 0

Tempo fa avevo annunciato la pubblicazione periodica di Holy Water, ma a mie spese ho scoperto di quanto sia incredibilmente difficile pubblicare fumetti porno nel 2017.

Apparentemente a tutti piace la pornografia, tranne ai termini di servizio dei siti su cui lo posti e apparentemente anche WordPress mi vieta di pubblicare atti grafici di sesso. Probabilmente se avessi deciso di fare cose lesbo nessuno mi avrebbe detto niente, ma disegnare cazzi invece offende la sensibilità popolare.

Pertanto ho deciso di pubblicare anche qui la versione edulcorata, ma a conclusione del tutto (dopo Cartoomics 2018) renderò disponibile la versione PDF integrale sul mio Gumroad.

Holy Water

Ne avrete sentito parlare spesso sulla mia bacheca di facebook sotto il nome in codice di “porno in chiesa”. Ecco, non tanto un nome in codice quanto un’effettiva realtà: sto effettivamente disegnando un fumetto porno gay ambientato in una chiesa e che ha come protagonisti un prete e un punk.

Perché? Perché mi andava di farlo. Non ho un kink segreto sui preti e le suore mi fanno orrore (così come in generale mi fa orrore disegnare donne), ma è più una prova di forza: non c’è niente di più difficile che disegnare gente che fa sesso, giuro. E la difficoltà aggiunta è far sì che questo appaia reale e sexy.

A me la pornografia piace e ho sempre trovato stupida la tendenza delle donne a etichettare come “erotiche” le proprie opere scritte, quasi a voler dare una patina di lustro e intellettualità, molto spesso romantica, a ciò che nella realtà è pornografia.

Mi piace chiamare le cose con il loro nome.

Il titolo di questo fumetto è “Holy Water” (ah ah ah si, lo so, è fatto apposta) e verrà pubblicato censurato sulla mia pagina Facebook e non censurato qui.

Holy Water verrà inoltre stampato su carta e presentato ufficialmente al Cartoomics 2018 al tavolo del Collettivo Lamia.

Indicativamente sarà di 30 pagine in formato B5 (ancora in corso di definizione) e comprenderà anche una nutrita sezione di studi dei personaggi e sketch nsfw.